La selezione fornitori ai tempi del GDPR

CONDIVIDI L’ARTICOLO

Preview_blog_Privacy fornitori

Le sfide di CISO e DPO - 3 MIN. DI LETTURA

Aggiornato: Marzo 2022
Valentina Zecchi

DPO

1) Lo scouting dei fornitori integrato con la privacy e la security

Già da tempo, scegliere un fornitore non significa più soltanto fare una valutazione sulla sua affidabilità, competenza e competitività, ma, ove il fornitore sia inquadrato come Responsabile del trattamento, occorre anche accertarsi che lo stesso garantisca il rispetto della normativa privacy applicabile.

A norma dell’art. 28, par. 1, GDPR, infatti, si deve ricorrere “unicamente a responsabili del trattamento che presentino garanzie sufficienti per mettere in atto misure tecniche e organizzative adeguate in modo tale che il trattamento soddisfi i requisiti del presente regolamento e garantisca la tutela dei diritti dell’interessato.

Pertanto, l’attività discouting” del fornitore deve includere anche una fase preliminare finalizzata alla verifica del livello di compliance privacy (e quindi anche security) del fornitore stesso.

Tale verifica preliminare non è sufficiente per proseguire nel tempo la collaborazione: occorre, infatti, ad intervalli di tempo (in genere, almeno una volta l’anno) o quando vi siano dei mutamenti normativi/giurisprudenziali o potenziali rischi privacy, valutare se il fornitore continui a fornire le garanzie richieste e adempia a quanto previsto contrattualmente.

I criteri di audit possono essere: normativi (come: GDPR, Codice Privacy, standard internazionali; ecc.); contrattuali (ad esempio, impegni assunti dal fornitore e/o con i clienti finali); procedurali (ad esempio, la procedura di data breach dell’auditato).

Quanto alle modalità, tali verifiche possono essere documentali, tramite la compilazione di questionari, on site (presso gli uffici del fornitore) o da remoto.

2) Hot topics

Gli sviluppi normativi, giurisprudenziali e, perfino, l’attualità hanno un impatto notevole anche sugli audit privacy.

Ad esempio, dopo la sentenza Schrems II della Corte di Giustizia Europea del 16 luglio 2020, un tema bollente è quello dei trasferimenti di dati personali verso gli USA.

La sentenza, invero, invalidando il Privacy Shield, di fatto, mette in discussione tutti quei Responsabili stabiliti negli Stati Uniti, tant’è che anche big come Facebook (Meta) hanno recentemente accennato al fatto che potrebbero chiudere alcuni loro servizi in Unione Europea. Neppure la conservazione dei dati personali in data center situati in UE potrebbe, infatti, assicurare i dati personali dei cittadini europei da richieste di accesso da parte del governo americano.

I numerosi attacchi hacker, anche ad istituzione governative, dopo l’invasione dell’Ucraina, sono, invece, un esempio concreto di come l’attualità incida anche sulla valutazione dei fornitori. A seguito di tali episodi, è emersa l’esigenza di assicurarsi che i fornitori siano pronti a mitigare i potenziali rischi cyber rinvenienti.

3) Sanzioni

Il mancato rispetto delle norme del GDPR, oltre a conseguenze sul fronte contrattuale, nel caso in cui ciò si traduca in una violazione di impegni assunti nei confronti del Titolare del Trattamento, può condurre a sanzioni amministrative.

Così, ad esempio, la selezione di fornitori che non presentano garanzie adeguate e la mancata sottoscrizione del DPA (Data Processing Agreement), in quanto violazioni dell’art. 28 GDPR, possono comportare sanzioni sino a 10 milioni di euro o pari al 2 per cento del fatturato annuo.

Ancora, le violazioni delle norme sui trasferimenti di dati personali (artt. 44-49 GDPR) comportano l’applicazione della categoria di sanzioni più gravosa, fino a 20 milioni di euro o pari al 4 per cento del fatturato annuo.

Per citare un caso concreto, lo scorso settembre il Garante per la protezione dei dati personali italiano ha comminato a una nota Università italiana una sanzione di euro 200.000,00, per essersi avvalsa di un Responsabile con sede negli USA e perché il trasferimento basato sul Privacy Shield, poi sostituito dalle Standard Contractual Clauses, in assenza di misure aggiuntive, doveva ritenersi invalido.

CONDIVIDI L’ARTICOLO

SCOPRI

Altri articoli
popolari.

L’importanza dell’open-source nella realizzazione di software entreprise

Mondo nerd

L’importanza dell’open-source nella realizzazione di software entreprise

La partecipazione delle aziende con finanziamenti e tecnologie sempre più avanzate ha contribuito alla crescita dei progetti open-source, come dimostrato dalla Apache Software Foundation, che conta oltre 350 progetti. Sorge dunque un dubbio: qual è il vantaggio nell'investire risorse, umane e monetarie, in un asset non direttamente monetizzato come un progetto open-source? Scopriamolo insieme in quest'articolo

5 MIN. LETTURA

Niccolò Maltoni

Software Engineer

Magento connector e Matilda insieme

Roadmap

Magento connector e Matilda insieme

La nuova versione 13.0 del connettore Magento si integra con la nuova interfaccia Matilda. Scopri come puoi usare i nuovi designer per le comunicazioni o i workflow che utilizzano i contenuti e i dati del tuo sito Magento.

2 MIN. LETTURA

magnews

Digital Marketing Platform

Web experience ottimizzata per Matilda

Roadmap

Web experience ottimizzata per Matilda

La web experience su Matilda sarà più semplice, usabile e orientata a sfruttare pienamente tutte le potenzialità della web personalization... scopri di più!

1 MIN. LETTURA

magnews

Digital Marketing Platform

Ecommerce e comportamenti dei clienti: l’importanza dei dati

Il mondo di magnews

Ecommerce e comportamenti dei clienti: l’importanza dei dati

Scopri come si struttura un eCommerce ed esplora le tendenze diffuse tra i clienti online: leggere i dati, interpretarli e sviluppare azioni conseguenti oggi è vitale per qualsiasi attività.

3 MIN. LETTURA

Giovanni Cappellotto

Consulente eCommerce, Marketplace & Retail, Freelance

Mondo Meta e campagne marketing: le regole d’oro di Enrico Marchetto

Il mondo di magnews

Mondo Meta e campagne marketing: le regole d’oro di Enrico Marchetto

Facebook, anzi Meta, è cambiato: ecco come impostare le campagne all’interno di questo universo per ottenere i migliori risultati.

4 MIN. LETTURA

Enrico Marchetto

Co-Founder Noiza.Com e Social Media Advertiser

Dominio mittente, dominio web, DMARC e BIMI: alla scoperta della Brand Protection

Il mondo di magnews

Dominio mittente, dominio web, DMARC e BIMI: alla scoperta della Brand Protection

Si parla molto di strategie per la costruzione dell’immagine di un brand. Ma cosa accadrebbe se questa venisse compromessa o danneggiata? Perché tu non debba scoprirlo mai, esiste la brand protection, che va ben oltre la mera difesa della proprietà intellettuale.

3 MIN. LETTURA

Lucia Mongardi

Deliverability Manager

Diventa Partner!

Creare una relazione tra le aziende e i consumatori che possa generare valore di business per entrambi in una esperienza di successo.

Stiamo creando una community che vogliamo far crescere assieme per costruire una collaborazione sempre più di valore.

Partner Program, la soluzione di magnews che consente di diventare parte di un vero knowledge hub, progettato per favorire la crescita di competenze e business.

  • Ho letto e compreso la Privacy Policy e accetto integralmente i Termini d'Uso.

Raggiungi i tuoi obiettivi di business

Scrivi ad un nostro consulente oppure richiedi una demo gratuitamente!

Richiedi una demo Scrivi ad un consulente

No grazie