La Call-To-Action che buca lo schermo. Tutto sulle CTA e il caso Findomestic

CONDIVIDI L’ARTICOLO

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Il mondo di magnews - 5 MIN. DI LETTURA

Aggiornato: Novembre 2021
magnews

Digital Marketing Platform

Cos’è una Call to Action?​

Potremmo definirla come il momento di contatto tra gli sforzi di marketing e il potenziale cliente (Lead, utente web, ecc.) intenzionato a fare un acquisto, compilare un modulo, scaricare un documento. Tutto ciò che è stato prodotto fino a quel momento dall’azienda (comunicazione, siti web, contenuti, ecc.) trova il proprio riscontro in quel desiderato click sul “bottone”.

La presenza di una CTA varia a seconda degli obiettivi e, quando ci sono, vengono utilizzate in un percorso progressivo.

Facciamo un esempio: clicco sulla CTA che trovo in un’email o su un annuncio (Adwords, Facebook Adv, ecc.), e atterro sull’articolo di un blog. Nel contenuto che sto leggendo posso imbattermi in un’altra “Call to Action” che punta al download di un documento e, all’interno di questo, avere una CTA con il link di iscrizione alla mia Newsletter.

Perché devi inserire una Call to Action?​

Protocol80 ha riportato una serie di ragioni fondate su alcune rilevazioni statistiche. Parola ai numeri:

  • oltre il 90% degli utenti che leggono il titolo che campeggia sulla pagina, notano anche la CTA;
  • le email con un singolo invito all’azione aumentano i click del 371% e le vendite del 1671%;
  • inserire una CTA alla tua pagina Facebook può far crescere la percentuale di click del 285%;
  • una CTA all’interno di un video ottiene il 380% di click in più rispetto alla CTA di una sidebar;
  • la CTA posta alla fine di un video informativo sul servizio che si offre, può arrivare ad incrementare le conversioni del 144%;

Obiettivi di una CTA​

La presenza di una CTA può aiutarti a raggiungere diversi obiettivi, vediamone alcuni. Per far crescere le lead, usa le CTA che invitino l’utente a:

  • scaricare un eBook;
  • iscriversi alla Newsletter;
  • registrarsi ad un evento;
  • richiedere una demo;
  • iscriversi ad una sezione speciale del blog.

Ad esempio, per incentivare l’acquisto al tuo eCommerce, scegli una CTA che comunichi:

  • le promozioni;
  • gli sconti;
  • un nuovo servizio;
  • l’ultimo prodotto.

Per portare più traffico al sito e far crescere il tuo numero di fan, prediligi le CTA che puntino:

  • a far conoscere un nuovo articolo;
  • a ricevere aggiornamenti.

Come differenziarla​

Le CTA emergono con elementi grafici come il colore e con un’espressione che catturi l’attenzione per invogliare al click. Il piccolo testo custodito all’interno non ha una frase standard da usare in ogni circostanza, anzi, più sono originali e più sono attrattive per l’utente.

Ma le CTA seguono delle regole ben definite oppure no? Certo che sì!

Innanzitutto, per ottenerne una efficace bisogna lavorare su tre aspetti: scritturadesign e posizione.

KPI da analizzare​

Quelli più significativi sono contestuali alle email, perché i tassi di click (CR) e di click sulle aperture (CTR) sono effettuati sulle CTA inserite. Quando i tassi aumentano vuol dire che il contenuto del messaggio e le immagini della CTA invogliavano l’utente a cliccare. Quindi tienili sott’occhio!

4 esempi di Call to Action​

Call To Action e Innovazione Tech: come inserirle nel subject di un’email​

Ora che abbiamo più chiaro cos’è una CTA e abbiamo visto alcuni esempi di come dovrebbe essere utilizzata, parliamo di Gmail Actions o Gmail Email Markup.

Gmail Actions e le sue funzionalità​

Da un paio di anni, Gmail consente di inserire alcune estensioni interattive ai subject delle email che arrivano nella casella di posta di chi ha un account Google. Tra queste, c’è l’opportunità di aggiungere una Call-to-Action alla fine dell’email che le aziende inviano ai propri clienti.

Prima di vedere questa funzione e legarla a un caso specifico, diamo una rapida occhiata a tutte quelle che sono attualmente disponibili:

  • RSVP, consente di inviare una notifica alla richiesta di partecipazione a un evento.
  • Review Action, permette di acquisire recensioni dei tuoi utenti in base al contenuto della tua email.
  • One click Action, gli utenti possono fare una chiamata HTTP POST a un indirizzo, e in base alla nostra risposta, l’azione verrà segnalata come completata o in errore.
  • Go to Action, con un click si atterra direttamente sulla pagina di un sito web senza aprire l’email.

Per implementare Go to Action, Google richiede il rispetto di alcuni requisiti. In particolare, le email devono essere autenticate tramite DKIM o SPF, una tecnologia di firma utilizzata per associare un dominio a un’email e che certifica che il contenuto è stato inviato dal dominio stesso. Un’autenticazione resa possibile con magnews, che configura e testa le firme DKIM per tutti i domini utilizzati come FROM, e permette di ottenere i massimi risultati di deliverability su Gmail.

Case Study: Findomestic​

Go to Action​

Findomestic spedisce con magnews tutte le comunicazioni promozionali rivolte a milioni di clienti e fa un uso della Marketing Automation in maniera avanzata, legata soprattutto al Preventivatore Online.
La Go to Actions può essere un ottimo strumento per recuperare gli utenti che non hanno concluso una conversione. Proprio per questo, Findomestic ha pensato di rendere più semplice la possibilità di finalizzare una richiesta di credito abbandonata.
Dal 2013, l’azienda ha concluso 500.000 richieste rimaste in sospeso con l’utilizzo di magnews e della Marketing Automation.

Gli istituti partner di Findomestic inviano con magnews delle email personalizzate nel momento in cui il contatto ha lasciato incompleta la richiesta di preventivo. L’utente trova nel subject delle email la funzione Go to Action, dove è esposta la CTA. Basta cliccare e, senza aprire il contenuto, ci si ritrova nella landing page dell’istituto di credito per concludere la richiesta abbandonata.

CONDIVIDI L’ARTICOLO

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

SCOPRI

Altri articoli
popolari.

Quanto conosci il Dark Mode?

Il mondo di magnews

Quanto conosci il Dark Mode?

Cos'è il dark Mode, come si applica e tutti i trucchi per rendere la tua newsletter leggibile anche nell'oscurità

8 MIN. LETTURA

Jenny Bertelli

Customer Success Manager & Training Manager

Quanto convertono i tuoi workflow?

Roadmap

Quanto convertono i tuoi workflow?

Abbiamo iniziato l'implementazione su Matilda del report dei workflow. Il report contiene rivisitazioni di dati già visibili sulla versione classica e nuovi insight, in particolare puoi scoprire quanto converte il tuo workflow.

1 MIN. LETTURA

magnews

Digital Marketing Platform

Monitora le conversioni anche dal web

Roadmap

Monitora le conversioni anche dal web

Per non perdere informazioni preziose, registriamo anche le conversioni che provengono dai click sui messaggi on site e sulle landing page. Conversioni che probabilmente tu già realizzi, ma di cui non conosci il valore. Da oggi puoi monitorare quindi le conversioni dei tuoi contatti con più precisione e con la provenienza più corretta.

1 MIN. LETTURA

magnews

Digital Marketing Platform

Apple Mail Privacy Protection: la vendetta dei Proxy

Il mondo di magnews

Apple Mail Privacy Protection: la vendetta dei Proxy

In questo articolo, ripercorriamo un po la teoria del tracciamento aperture email, vi raccontiamo cosa sono i PROXY, elemento tecnico fondamentale in queste dinamiche, e vediamo assieme quali sono i principali impatti pratici da tenere in considerazione.

7 MIN. LETTURA

magnews

Digital Marketing Platform

Filtri sui contatti più friendly

Roadmap

Filtri sui contatti più friendly

Abbiamo cambiato l'aspetto dei filtri, in particolare i filtri sulle liste di contatti. I filtri sono strutturati secondo "livelli discendenti", ad albero. Quando si fa un filtro su un campo o un'informazione statistica con molti livelli, è indispensabile ricordare il percorso fatto per raggiungere il filtro. Ora questi li vedi visualizzati subito sopra al filtro finale scelto. 

2 MIN. LETTURA

magnews

Digital Marketing Platform

Una sola app per 2 nuovi canali: WhatsApp e Telegram

Roadmap

Una sola app per 2 nuovi canali: WhatsApp e Telegram

Con il connettore MessengerPeople puoi gestire i canali WhatsApp for business e Telegram. Con la nuova versione dell'app MessengerPeople puoi inviare notifiche e reminder ai tuoi contatti, direttamente dalla piattaforma. Leggi l'articolo completo!

3 MIN. LETTURA

magnews

Digital Marketing Platform

Diventa Partner!

Creare una relazione tra le aziende e i consumatori che possa generare valore di business per entrambi in una esperienza di successo.

Stiamo creando una community che vogliamo far crescere assieme per costruire una collaborazione sempre più di valore.

Partner Program, la soluzione di magnews che consente di diventare parte di un vero knowledge hub, progettato per favorire la crescita di competenze e business.

  • Ho letto e compreso la Privacy Policy e accetto integralmente i Termini d'Uso.

Raggiungi i tuoi obiettivi di business

Scrivi ad un nostro consulente oppure richiedi una demo gratuitamente!

Richiedi una demo Scrivi ad un consulente

No grazie