3 tips per una killer call-to-action

Nei giorni scorsi è uscito Web Usability, di Jacopo Pasquini e Simone Giomi (ed. Hoepli). MagNews ha contribuito al manuale con una “pillola” sulla call-to-action. Se infatti nell’email marketing la call-to-action è fondamentale, perché è attraverso i clic degli utenti che misurate il raggiungimento dgli obiettivi, i tips che mutuiamo dalla nostra esperienza in email marketing possono essere replicati per le pagine web.

cover web usability

Ecco dunque tre velocissimi consigli sul “bottone” delle vostre email e pagine web:

1) Rispettate le convenzioni: il messaggio della vostra c-t-a deve essere un invito chiaro (scopri di più, chiedi un preventivo, acquista) e non una perifrasi dantesca. Anche il design deve essere ben riconoscibile. Per quanto riguarda la c-t-a nelle email ricordate di inserire il link per la conversione anche all’interno del testo, sennò chi non scarica la grafica non riuscirà a convertire (acquistare, approfondire l’articolo etc);

2) La c-t-a deve essere fruibile. L’utente non si deve chiedere “come faccio ad acquistare?” mentre naviga disperato il vostro sito o scrolla e ri-scrolla ansioso la vostra email. Ricordate anche che, soprattutto per quanto riguarda l’email, molti lettori aprono da un device mobile: ricordate che la c-t-a deve essere a misura di dito. In un sito responsive potete scegliere di mettere la c-t-a principali più in alto, per le visualizzazioni da dispositivo mobile;

3) Non dimenticate la landing page! State proponendo una buona offerta, un buon contenuto, avete convinto l’utente a convertire, gli avete fatto trovare una c-t-a alettante e ben visibile, non vorrete che, una volta cliccato con l’intenzione di acquistare, nel momento più caldo, si ritrovi in una landing page inesistente o illeggibile da mobile?

Per sapere proprio tutto sulla user experience potete acquistare Web Usability :).