I vostri dubbi sull’Engagement della Mailing List

Abbiamo raccolto alcune domande che ci sono state poste durante il webinar “Misura l’Engagement della tua mailing list” del 18 febbraio, perché pensiamo possano interessare chi in generale fa email marketing.
Vi aspettiamo al prossimo webinar: SMS & Email Marketing per Mobile: DOs e DONTs. Ma affrettatevi: il precedente è andato sold out in pochi giorni!

1) A che cosa serve analizzare la recency?
La recency è il parametro che abbiamo individuato e accolto nelle statistiche di MagNews per misurare l’engagement. Come speditori, dovreste definire una finestra temporale all’interno della quale analizzare il comportamento dei contatti (aperture e clic) rispetto alle vostre comunicazioni, per individuare dei cluster cui comunicare ad hoc. Vi saranno dunque utenti che non vi hanno mai aperto, né nel periodo “recente”, né prima di esso; utenti che hanno smesso di aprire le vostre comunicazioni nell’ultimo periodo; altri che vi hanno aperto di recente; altri ancora che, cliccando all’interno delle vostre email, hanno approfondito le vostre news o convertito, acquistando. Attraverso questa clusterizzazione della lista, vi forniamo uno score di engagement, che è il rapporto tra gli “utenti coinvolti” dalle vostre comunicazioni e quelli non. Il vostro obiettivo sarà dunque di aumentare questo score, per massimizzare il vostro investimento.

2) Che finestra temporale devo considerare ai fini della valutazione dell’engagement?
Di default MagNews propone una finestra temporale di 91 giorni. Ma se spedite ogni giorno, potete accorciare il periodo di recency e decidere di considerare “non ingaggiato” l’utente che, ad esempio, non apre le vostre comunicazioni da un mese.

3)È consigliabile mettere il link di disiscrizione direttamente in newsletter?
Bisogna mettere il link di disiscrizione. Lasciate gli utenti liberi di scegliere. Acchiappateli con il vostro contenuto esclusivo, le vostre offerte imbattibili, non impedendo loro di andarsene. Se non mettete il link di disiscrizione non siete compliant con la normativa sulla privacy e rischiate di essere segnalati come spammer, il che non giova, presso il provider, alla vostra reputazione di speditore: anzi, rischiate di non finire nell’inbox neanche di chi vi vuol leggere davvero.

4) Che cosa posso fare per attivare al più presto gli utenti nuovi, cioè che si sono recentemente iscritti alla mia lista ma non hanno ancora aperto le mie newsletter?
Chi si è appena iscritto alla vostra mailing list dovrebbe essere particolarmente coinvolto, ci si aspetta che si attivi autonomamente a breve. Perché questo accada potreste pensare a una logica di doppio opt- in in sede di iscrizione, che risolve il problema di eventuali errori di battitura nell’indirizzo email, che impediscono di arrivare nell’inbox. Inoltre una best practice per approfittare di questo momento particolarmente “caldo” (l’iscrizione) e attivare fin da subito il contatto, è quella di inviare una welcome email in cui suggerite di inserire l’indirizzo mittente in rubrica, anticipate quale sarà il piano editoriale e la frequenza con cui comunicherete, ed eventualmente sorprendete con un’offerta di benvenuto.

E se ve lo siete persi…qui trovate la registrazione. Enjoy!