Email automatiche di up-selling e cross-selling

L’email marketing è un ottimo strumento per mettere in atto azioni di up-selling e cross-selling, non a caso è molto diffuso negli ecommerce, e  non solo.

Per attuare delle buone campagne promozionali ecommerce due fattori sono particolarmente rilevanti: il tempismo e la relevance. Il primo si ottiene attraverso l’automazione “triggered action mail”, e tra queste rientrano le email promozionali di up-selling e cross-selling poiché vengono generate in seguito ad un’azione dell’utente sul sito. Conoscere il prodotto acquistato dall’utente vi consente di inviare comunicazioni personalizzate e rilevanti. Per farlo è necessario implementare degli automatismi, che vi consentiranno di agire con perfetto tempismo, ed esser dotati di un software adeguato integrato con il vostro ecommerce… con MagNews oltre al software avete anche un intero team di supporto! 🙂

Per mettere in atto azioni di cross-selling e up-selling efficaci è fondamentale gestire e controllare i prodotti acquistati dai clienti, oltre ad avere un database profilato. Questo significa evitare di inviare delle email massive uguali per tutti, poichè l’utente percepisce che non è una comunicazione personalizzata!

Newsletter

Quando inviare email automatiche di up-selling e cross-selling?

Una volta profilato il vostro database, è giunto il momento di programmare gli invii automatici! Potete inserire azioni di cross-selling e up-selling nella comunicazione del recupero del carrello abbandonato o inviare una email dopo 10 giorni. L’obiettivo è far ricordare all’utente il vostro brand ed i vostri prodotti, soprattutto se non visitano il sito da un po’ di tempo.

Le email automatiche possono essere inviate subito dopo la visualizzazione di un prodotto consigliandone altri correlati. Per esempio, Mario ha visualizzato una giacca sul sito mybrand. Quindi, potete inviare una email del tipo “Salve Mario, stai cercando un prodotto nella categoria abbigliamento? Ti potrebbero interessare anche questi prodotti”. Verranno, dunque, inseriti dei prodotti che si avvicinano alle esigenze di Mario. E’ possibile mettere in risalto dei prodotti in offerta, quelli più venduti o una lista di prodotti che nell’ultimo periodo sono stati acquistati da altri utenti.

Inoltre, potete far partire l’automatismo anche dopo l’acquisto di un prodotto. Prendiamo, per esempio, sempre il nostro caro Mario che questa volta ha deciso di acquistare una macchina fotografica e il nostro software invia automaticamente una email del tipo “Salve Mario, hai effettuato un acquisto nella categoria tecnologia, forse potrebbero interessarti anche…”. In questo caso, potete inserire dei prodotti che possano aumentare il valore dell’acquisto come per esempio il cavalletto, altri obiettivi etc.…

E’ buona norma anche, quando progettate piani di contatto automatizzati, definire quali comunicazioni sono prioritarie rispetto ad altre, per evitare che l’utente, nel periodo dell’acquisto sia raggiunto da comunicazioni di diversa natura: email transazionali, promo varie, email di auguri.

Per approfondire l’argomento scarica le “Best Practice di Email Marketing per Ecommerce

gabriella.pistillo

Marketing Assistant.