Direct Email Marketing: Consigli, Segreti e 3 Esempi per Strategie Vincenti

L’email è morta? Una delle domande più utilizzate in questo periodo, e che probabilmente continuerà a rimbombarci nella testa…Ma non è così! L’email sta cambiando, sta vivendo una “seconda giovinezza”.

direct email marketing

Fermati un attimo a pensare: quante email ricevi al giorno e quanto è piena la tua inbox? Sei sommerso da comunicazioni di svariata natura in quanto i brand utilizzano sempre di più questo strumento per comunicare con i propri utenti con l’obiettivo di aumentarne l’engagement e la fidelizzazione.

Email has an ability many channels don't: creating valuable, personal touches - at scale

Oggi ti mostriamo come svolgere attività di email marketing utilizzando in modo efficace le DEM (acronimo di Direct Email Marketing). Ti spiegheremo nel dettaglio cosa sono, le caratteristiche che le contraddistinguono, quelle che le differenziano dalle newsletter, ed infine, ti proporremo un elenco di best practice e tanti esempi da mettere subito in pratica.

Sei pronto? Vediamo come sfruttare al meglio le DEM 😊

Direct Email Marketing: definizione

La DEM, acronimo di Direct Email Marketing, è uno strumento molto efficace che ti permette di comunicare in maniera personalizzata con il tuo potenziale cliente raggiungendolo direttamente nella sua casella di posta elettronica. È una forma di comunicazione puramente commerciale avente l’obiettivo di promuovere un prodotto, un servizio, o un evento.

Obiettivi

Grazie ad una campagna di direct email marketing puoi mettere in atto azioni di fidelizzazione, lead generation e nurturing su tutti gli utenti già presenti nel tuo database, targettizzandoli in base a caratteristiche specifiche. Questa tipologia di comunicazione ha un tasso di conversione molto più alto rispetto alle newsletter periodiche, in quanto viene spedita esclusivamente ad un target specifico, e ha un costo più basso se paragonata ad altre forme di promozione tradizionali.

La particolarità delle DEM è che gli utenti non solo leggono le email, ma interagiscono portando a termine una conversione come ad esempio l’acquisto, il download di un documento ect. generando traffico sul tuo sito web. In poche parole, è uno dei pochi strumenti che se sfruttati ed utilizzati nel giusto modo possono far decollare qualsiasi tipo di business online.

Vantaggi

Dai risultati emersi dalla ricerca condotta insieme a CRIBIS D&B e AISM, le aziende mettono in atto una direct email marketing strategy per raggiungere obiettivi di lead generation (64%), per incrementare le opportunità di vendita (50%) e per mettere in atto azioni di lead nurturing (36%).

Una campagna efficace di Digital Email Marketing ha alcuni vantaggi da non sottovalutare:

  • Velocità: è possibile contattare molti utenti in pochissimi minuti, a differenza di una campagna tradizionale su Google, che ha tempi e costi nettamente superiori. Inoltre, grazie ad una piattaforma di multichannel marketing come MagNews, hai a disposizione una serie di template predefiniti che ti permettono di creare la tua comunicazione in pochissimo tempo.
  • Personalizzazione e segmentazione: hai la possibilità di inviare il tuo messaggio ad un target ben definito.
  • Costi: puoi raggiungere un gran numeri di utenti, non solo in pochissimo tempo ma anche a costo molto contenuto, Generalmente si paga in base al volume di email inviate al singolo contatto e non in base all’esposizione
  • Analytics: hai la possibilità di misurare i risultati delle tue campagne
  • Precisione: grazie alla profilazione dei tuoi utenti, puoi inviare messaggi personalizzati in base a parametri specifici.

Newsletter e Dem: trova le differenze

Perché utilizziamo due termini differenti per indicare una campagna di email marketing? C’è un po’ di confusione dietro queste due parole che stanno ad indicare entrambe un invio massivo, ma al tempo stesso hanno caratteristiche differenti in base ad obiettivo, target, messaggio e periodicità.
Vediamo nel dettaglio le differenze.

Newsletter

Sono comunicazioni di carattere informativo, inviate periodicamente, che hanno l’obiettivo di informare l’utente sulle attività/novità/prodotti dell’azienda, e aumentarne la fidelizzazione e l’engagement.
I destinatari di queste comunicazioni sono utenti molto fidelizzati ed interessati a tutto ciò che ruota intorno al brand. Infatti, decidono personalmente di iscriversi, tramite form online o cartaceo, per essere costantemente aggiornati.
Diventa indispensabile curare il piano editoriale nei minimi dettagli stabilendo periodicità e riconoscibilità del brand determinanti per il successo della tua campagna. Il design di questa comunicazione deve essere abbastanza flessibile in modo che possa essere adattato alle varie informazioni che si intende comunicare. Per esempio, puoi suddividere la tua newsletter in diverse categorie: eventi, news, prodotti, articoli del blog etc… Usa contenuti di qualità per non deludere la fiducia che gli utenti hanno riposto in te in fase di iscrizione.
Attenzione: questo non significa che non si puoi inserire box con contenuti promozionali, ma semplicemente avranno un’importanza secondaria.

Scopri come realizzare la Newsletter Perfetta!

Dem

Sono comunicazioni con focus commerciale e promozionale, che hanno il fine di invogliare gli utenti a convertire, con una call to action specifica presente nella comunicazione. Uno strumento davvero efficace se si ha l’obiettivo di raggiungere un numero sempre maggiore di potenziali clienti o ingaggiare quelli già esistenti.
I destinatari di queste comunicazioni sono utenti presenti nel tuo database. È molto importante, quindi, curare l’aspetto grafico della DEM e puntare su un copy accattivante, coinvolgente, personalizzato in base a quello che si desidera comunicare.

Newsletter Dem
Comunicazione informativa Comunicazione promozionale
Inviata periodicamente Sfrutta le opportunità del momento
Fidelizzazione, nurturing, branding, traffic generator Conversione

La struttura perfetta per la tua Dem

Progettare la struttura di una DEM non è una cosa banale, perché va strutturata in base all’obiettivo che si intende raggiungere ed al messaggio che si vuole comunicare. Ti proponiamo un esempio di DEM da utilizzare sei hai un eCommerce e devi comunicare un’offerta limitata.

DEM la struttura perfetta

Consigli per una Dem efficace

Una campagna di direct email marketing può risultare efficace se rivolta al giusto pubblico e creata seguendo le migliori best practice. Ti elenchiamo gli aspetti da curare con maggiore attenzione poiché potrebbero incidere sul successo o fallimento delle tue campagne.

Tono

Quando costruisci il messaggio, cerca innanzitutto capire chi è il destinatario delle tue comunicazioni per scegliere il tono giusto. Se sei diretto nella comunicazione, riesci a raggiungere il target desiderato.

Layout

Devi riuscire a catturare l’occhio dell’utente. Cerca di creare un equilibrio tra testo ed immagini, mettendo in evidenza le informazioni principali; una grafica pulita, accattivante e semplice migliora senz’altro le chance di gradimento. Attenzione a non eccedere nei colori, fai in modo che il lettore associ determinate tonalità al tuo brand in modo da essere facilmente riconoscibile.

Contenuto

Semplicità e immediatezza sono le parole chiave. Non eccedere in frasi incomprensibili o periodi lunghissimi, ma vai dritto al punto. Stiamo parlando di email, quindi, devi impostarla in modo tale che il tuo messaggio principale sia visibile posizionandolo nella fascia alta del layout e, creando un percorso di lettura che porti il lettore a compiere l’azione voluta…l’atteso click!

Subject

Elemento che influisce notevolmente sull’apertura delle tue comunicazioni. Cerca di capire cosa potrebbe interessare ai tuoi utenti e racchiudilo in un oggetto di massimo 60 caratteri. Cerca di sfruttare l’aspetto emozionale, il fattore temporale o invitarlo all’azione.

Profilazione

Invia la tua DEM a target selezionati. Evita di inviare le email a tutti gli utenti presenti nel database, ma profila in base a comportamenti specifici come ad esempio l’interazione, l’acquisto, il click ect. Per far ciò, analizza nel dettaglio i risultati delle tue precedenti campagne.

Scopri come il tuo target utilizza le Email: numero di caselle attive, traffico email, provider di posta elettronica.

DEM: errori da evitare

Esistono una serie di errori comuni che possono compromettere il successo delle tue campagne di direct email marketing impedendoti di raggiungere i tuoi obiettivi.
Eccone i più comuni:

Riconoscibilità

Fai in modo che il lettore capisca subito il tema della tua comunicazione. Non utilizzare sotterfugi per far aprire il tuo messaggio e non promettere offerte o sconti personalizzati, se poi, possono essere applicati indistintamente a tutto il tuo database.

Call to action

Non inserire all’interno della tua comunicazione call to action differenti, perché rischieresti di spaesare l’utente a tal punto che quest’ultimo non riesca ad identificare l’offerta più adatta ed interessante per lui. Fai in modo che la tua call to action sia ben chiara in modo che tu possa raggiungere l’obiettivo di conversione.

Destinatari

Definisci il tuo target di riferimento e spedisci la tua DEM esclusivamente a loro.

Immagini

Inserire una sola immagine, con testo e call to action, è uno degli errori più facili da commettere. Perché? Molti dei tuoi utenti potrebbero non riuscire a scaricare le immagini della tua comunicazione perdendosi gran parte del contenuto e la CTA. Quindi, cerca di inserire anche una parte testuale dove approfondisci il messaggio in modo da non perdere conversioni importanti. Attenzione a non inserire le immagini come allegato perché non solo rischiereste di finire in spam, ma molti utenti potrebbero non aprire la tua DEM per paura di truffe quali il phishing.

Timing

Non inondare di email la inbox degli utenti perché può risultare controproducente. Inviare comunicazioni a distanza di poco tempo l’una dall’altra può aumentare la possibilità che queste possano essere cestinate, o ancor peggio, possono abituarsi alla miriade di tue comunicazioni etichettandole come non interessanti. Alcuni potrebbero aprire la tua DEM, altri potrebbero esserne infastiditi non aprendo nessuna comunicazione e inserendo il mittente in spam.

Campagne DEM: Esempi

I nostri consigli non finiscono qui! Eccoti alcuni esempi pratici di DEM da cui trarre ispirazione per le tue prossime campagne.

Questa è una comunicazione da inviare a tutti gli utenti presenti nel tuo database, con l’obiettivo di aumentare le vendite del tuo eCommerce. Sfrutta le stagionalità per comunicare una promozione/uno sconto ai tuoi utenti, magari utilizzando un countdown e facendo leva sul “tempo di scadenza”. Design e copy sono elementi essenziali: comunica la tua promozione in maniera originale, sii creativo…i risultati non tarderanno ad arrivare!

Crea una strategia dedicata esclusivamente al cluster degli inattivi. Attraverso dei programmi di win back/ re-engagement puoi riattivare i contatti che non aprono più le tue comunicazioni ed ingaggiarli nuovamente. Offri loro un incentivo (sconto, spese di spedizioni gratuite, un documento esclusivo da scaricare). Il subject e il design sono gli elementi essenziali: stai comunicando con persone che non aprono più le tue comunicazioni, quindi devi catturare la loro attenzione ed invogliarli all’apertura e, di conseguenza, al click.

Comunica una promozione limitata ed esclusiva sul tuo eCommerce attraverso l’invio di una DEM di impatto. In questo caso, copy e CTA devono essere accattivanti e devono comunicare un “qualcosa che sta per scadere” in modo che i destinatari possano convertire subito.

DEM: metriche che non puoi non misurare

Pensi di aver già concluso il tuo lavoro con l’invio della comunicazione? Beh ti sbagli. Il passo successivo, quello più importante, è misurare i risultati delle tue campagne di digital email marketing per valutarne il successo o fallimento.

I KPI da analizzare vengono stabiliti in base agli obiettivi. Ti proponiamo quelli più comuni, ma per approfondire l’argomento puoi scaricare il nostro white paper “KPI dell’Email Marketing”.

  • Open Rate (OR): è il tasso di apertura ed indica la percentuale di utenti che effettivamente hanno aperto la tua comunicazione. Questo KPI è molto importante per valutare l’engagement della tua mailing list.
  • Click Through Rate (CTR): indica il totale delle email cliccate almeno una volta sul totale di quelle aperte. In sostanza, ti mostra quante volte un utente clicca sulla tua comunicazione e quindi il reale interesse nei confronti del brand.
  • Conversion Rate: è il tasso di conversione ed indica la percentuale di utenti che ha interagito con la tua comunicazione portando a termine l’azione desiderata. Quindi, misura il comportamento dell’utente e la conversione.
  • Delivery Rate: è il tasso di consegna ed indica la percentuale di email consegnate dal server del mittente a quello del destinatario, rappresentando quindi i messaggi per i quali non è registrato bounce. Serve, quindi, per valutare la qualità del tuo database.

Conclusioni

In conclusione, il Direct Email Marketing è una delle forme di comunicazione vincenti per entrare direttamente in contatto con gli utenti, e ha un ROI molto più alto se paragonato ad altri strumenti di comunicazione.
Prima di implementare una strategia di Direct Email Marketing ricorda sempre di partire dagli obiettivi per poi scegliere il canale e lo strumento più adatto: Newsletter per fidelizzare e DEM per promuovere e vendere…. E poi parti con le campagne e raggiungi i tuoi utenti!

Se vuoi realizzare campagne DEM incrementando le vendite fino al 20%: