Campagne email a San Valentino

Email Marketing di San Valentino per… ritardatari

Non è ancora tempo di archiviare il vostro progetto di email marketing di San Valentino! C’è ancora qualche cosa che potete fare!Monica panzavolta magnews
Siete ancora in tempo per personalizzare il vostro template con iconografie classiche o creative, e soprattutto per adottare le best practice di email marketing affinché la vostra campagna raggiunga gli obiettivi e colpisca qualche altro cuore tenero ;). A San Valentino l’amore è ovunque: molti fanno il regalo anche al proprio gatto.
Abbiamo chiesto qualche consiglio a Monica Panzavolta, Digital Business Consultant in MagNews.

Qualche idea last minute per l’email marketing di San Valentino?

Solo i veri ritardatari stanno ancora tergiversando sull’acquisto per San Valentino, ma la buona notizia è che sono tanti! Potete interessarli già dal subject: “Idee di San Valentino per ritardatari”; oppure “Siete in ritardo anche per San Valentino?”.
Se proponete un acquisto ecommerce, è probabile che non ci sia abbastanza tempo per le spedizioni. Però potete sempre indirizzare i vostri contatti nel vostro punto vendita fisico, dove ci saranno certamente tante idee regalo last minute.
In ogni caso, non è troppo tardi per gli acquisti non-materiali, come un week end romantico da sfruttare in primavera, un buono per una giornata-relax alle terme, due biglietti per un concerto o uno spettacolo a teatro. Sbizzarrite la fantasia! L’offerta di San Valentino last minute poi, non è solo per ritardatari. Anche chi ha già provveduto al regalo può decidere di approfittare della vostra offerta, se è davvero interessante.
Inoltre, anticipando sui vostri canali social l’imminente arrivo in inbox di un’offerta davvero davvero speciale, potreste anche raccogliere qualche nuovo iscritto alla newsletter tra i vostri fan e follower.
Sparate le vostre ultime cartucce, perché tenerle in canna?

Quali sono le caratteristiche di una campagna email (per San Valentino o altre occasioni) che si distingue dalle altre?

Una campagna che si distingue è quella che dà un reale valore all’utente, e che sa comunicarlo. Questo valore può essere rappresentato da sconti, informazioni, ma anche intrattenimento.
Se per esempio proponete una card personalizzabile per l’invio di auguri con il vostro brand, una grafica e un copy piacevoli, rendete il vostro utente un vero e proprio sponsor del brand. Una creatività davvero divertente può venire anche condivisa sui social network, generando un circolo virtuoso.
Un altro valore che potreste offrire tramite la vostra campagna email è l’informazione. Capita spesso che le persone non sappiano che cosa regalare, e sicuramente voi avete quello che fa per loro. L’importante è che glielo comunichiate. Come? Per esempio attraverso una gift-guide, cioè una guida regalo. In questo caso, più la vostra mailing list è profilata, più sarete in grado di proporre le offerte giuste alle persone giuste e di personalizzare al massimo la vostra offerta di San Valentino (naturalmente questo vale anche per le tutte altre festività).

Come si scrive un subject che genera aperture?

Per un certo target, il prezzo è importante. Se lo indicate già nel subject dell’email potreste vedere l’open rate che aumenta. Siate naturalmente pertinenti con la festività imminente, in questo caso la festa degli innamorati. Un esempio? “Regali sotto i 50€? Con MyBrand baci garantiti”.
Ricordate che avete a disposizione altri spazi, oltre al subject, per comunicare. Uno è il mittente: oltre al nome del vostro brand potete aggiungere qualche carattere. Un altro spazio è il preheader, ovvero la prima riga di codice che in molti client di posta viene mostrata come anteprima. Non sprecate questo spazio con un “Visualizza la versione web”.

Valentina Santandrea

Communication Specialist | Diennea - MagNews.