Il successo dell’Email

CONDIVIDI L’ARTICOLO

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
50 anni email_2

50 anni di email - 2 MIN. DI LETTURA

Aggiornato: Novembre 2021
Fabio Masini

CTO

Abbiamo capito che l’Email ha un’origine antica, ma come è possibile che una invenzione così semplice sia riuscita a sopravvivere sino ad oggi, superando la corsa continua all’ultimo hype tecnologico, alla vita connessa e persino alle severe normative privacy?

L’email è uno strumento che ha cambiato il modo di comunicare al pari di veramente poche altre invenzioni nella storia tecnologica dell’umanità.

Non a caso larga parte dei servizi online che utilizziamo ci identifica proprio attraverso un indirizzo email.
Allo stesso modo le logiche di recupero credenziali o di conferma di un’operazione dispositiva la vedono ancora molto spesso
tra i canali privilegiati.

Eppure l’email è nata in un contesto tecnologico e sociale completamente diverso da quello attuale.

Proviamo quindi a capire le ragioni del suo successo.

Sicuramente la semplicità di utilizzo ha giocato un ruolo fondamentale:

  • per spedire e ricevere un’email è sufficiente utilizzare un client (un’app mobile, un webmail o un applicazione desktop);
  • la composizione di un’email richiede pochissime informazioni: il mittente (normalmente preconfigurato), il destinatario (anch’esso spesso memorizzato in una rubrica), un messaggio tipicamente composto da un oggetto e un corpo.

Altro elemento interessante è sicuramente la sua flessibilità:

  • è possibile spedire email in formato testuale, con o senza allegati, in formato HTML (raggiungendo l’espressività di un documento formattato e oltre), oggi anche in formato dinamico (AMP4Email);
  • l’email può essere normalmente letta su device con caratteristiche molto diverse: dallo schermo di un pc allo schermo miniaturizzato di uno smartphone, oggi anche in “dark mode”.

Altre caratteristiche, innovative sin dal momento della sua nascita:

  • l’asincronicità della comunicazione; a differenza di altri mezzi come il telefono, non è necessario che i due utenti comunichino nello stesso istante (e questo significa spesso non disturbare);
  • la possibilità di conservare facilmente la cronistoria dei messaggi scambiati, per eventuali consultazioni future.

Sicuramente anche l’evoluzione e la diffusione di Internet in ambito domestico ha favorito la sua diffusione, anche perché tipicamente connettività per la navigazione web e servizi di posta elettronica sono cresciuti in simbiosi. Già nei primi anni 2000 gli ISP (Internet Service Provider) offrivano pacchetti tutto incluso “connettività & casella email”.

Oggi si stimano oltre 4 miliardi di utenti con almeno una casella di posta, con la previsione di arrivare a 4.6 miliardi nel 2025 (fonte: https://www.statista.com/statistics/255080/number-of-e-mail-users-worldwide/).

L’attivazione di una casella di posta è spesso considerata anche uno strumento abilitante ad accedere a utili fonti di informazione, tipicamente abilitate attraverso una logica di opt-in: l’utente decide a quali servizi iscriversi con il proprio indirizzo email (es. le classiche newsletter) e sa di poter interrompere l’iscrizione in qualunque momento e in modo semplice (es. attraverso il classico link di disiscrizione).

Tutto questo evidentemente giustifica l’impressionante volume di messaggi email inviate nel mondo: circa 300 miliardi al giorno in crescita (fonte: https://www.statista.com/statistics/456500/daily-number-of-e-mails-worldwide/). Per comprendere in modo più concreto di che numeri stiamo parlando, potremmo pensare che ogni volta che respiriamo è come se inviassimo un’email a un quarto della popolazione italiana.

  • Hidden
  • Ho letto e compreso la Privacy Policy e accetto integralmente i Termini d'Uso.

CONDIVIDI L’ARTICOLO

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

SCOPRI

Altri articoli
popolari.

Data protection: dati blindati grazie alle policy magnews

Il mondo di magnews

Data protection: dati blindati grazie alle policy magnews

Google Analytics è ancora nell’occhio del ciclone, in Italia e in Europa. Continua a far discutere la stretta del Garante Privacy italiano, che il 9 giugno ha ammonito la società Caffeina Media per l’utilizzo dello strumento di analisi del colosso statunitense: il servizio, infatti, viola la normativa europea sulla data protection poiché trasferisce i dati personali degli utenti negli Stati Uniti, in assenza di misure di sicurezza supplementari adeguat. Continua a leggere l'articolo.

4 MIN. LETTURA

magnews

Digital Marketing Platform

Quanto conosci il Dark Mode?

Il mondo di magnews

Quanto conosci il Dark Mode?

Cos'è il dark Mode, come si applica e tutti i trucchi per rendere la tua newsletter leggibile anche nell'oscurità

8 MIN. LETTURA

Jenny Bertelli

Customer Success Manager & Training Manager

Quanto convertono i tuoi workflow?

Roadmap

Quanto convertono i tuoi workflow?

Abbiamo iniziato l'implementazione su Matilda del report dei workflow. Il report contiene rivisitazioni di dati già visibili sulla versione classica e nuovi insight, in particolare puoi scoprire quanto converte il tuo workflow.

1 MIN. LETTURA

magnews

Digital Marketing Platform

Monitora le conversioni anche dal web

Roadmap

Monitora le conversioni anche dal web

Per non perdere informazioni preziose, registriamo anche le conversioni che provengono dai click sui messaggi on site e sulle landing page. Conversioni che probabilmente tu già realizzi, ma di cui non conosci il valore. Da oggi puoi monitorare quindi le conversioni dei tuoi contatti con più precisione e con la provenienza più corretta.

1 MIN. LETTURA

magnews

Digital Marketing Platform

Apple Mail Privacy Protection: la vendetta dei Proxy

Il mondo di magnews

Apple Mail Privacy Protection: la vendetta dei Proxy

In questo articolo, ripercorriamo un po la teoria del tracciamento aperture email, vi raccontiamo cosa sono i PROXY, elemento tecnico fondamentale in queste dinamiche, e vediamo assieme quali sono i principali impatti pratici da tenere in considerazione.

7 MIN. LETTURA

magnews

Digital Marketing Platform

Filtri sui contatti più friendly

Roadmap

Filtri sui contatti più friendly

Abbiamo cambiato l'aspetto dei filtri, in particolare i filtri sulle liste di contatti. I filtri sono strutturati secondo "livelli discendenti", ad albero. Quando si fa un filtro su un campo o un'informazione statistica con molti livelli, è indispensabile ricordare il percorso fatto per raggiungere il filtro. Ora questi li vedi visualizzati subito sopra al filtro finale scelto. 

2 MIN. LETTURA

magnews

Digital Marketing Platform

Diventa Partner!

Creare una relazione tra le aziende e i consumatori che possa generare valore di business per entrambi in una esperienza di successo.

Stiamo creando una community che vogliamo far crescere assieme per costruire una collaborazione sempre più di valore.

Partner Program, la soluzione di magnews che consente di diventare parte di un vero knowledge hub, progettato per favorire la crescita di competenze e business.

  • Ho letto e compreso la Privacy Policy e accetto integralmente i Termini d'Uso.

Raggiungi i tuoi obiettivi di business

Scrivi ad un nostro consulente oppure richiedi una demo gratuitamente!

Richiedi una demo Scrivi ad un consulente

No grazie