Il successo dell’Email

CONDIVIDI L’ARTICOLO

50 anni email_2

50 anni di email - 2 MIN. DI LETTURA

Aggiornato: Novembre 2021
Fabio Masini

CTO

Abbiamo capito che l’Email ha un’origine antica, ma come è possibile che una invenzione così semplice sia riuscita a sopravvivere sino ad oggi, superando la corsa continua all’ultimo hype tecnologico, alla vita connessa e persino alle severe normative privacy?

L’email è uno strumento che ha cambiato il modo di comunicare al pari di veramente poche altre invenzioni nella storia tecnologica dell’umanità.

Non a caso larga parte dei servizi online che utilizziamo ci identifica proprio attraverso un indirizzo email.
Allo stesso modo le logiche di recupero credenziali o di conferma di un’operazione dispositiva la vedono ancora molto spesso
tra i canali privilegiati.

Eppure l’email è nata in un contesto tecnologico e sociale completamente diverso da quello attuale.

Proviamo quindi a capire le ragioni del suo successo.

Sicuramente la semplicità di utilizzo ha giocato un ruolo fondamentale:

  • per spedire e ricevere un’email è sufficiente utilizzare un client (un’app mobile, un webmail o un applicazione desktop);
  • la composizione di un’email richiede pochissime informazioni: il mittente (normalmente preconfigurato), il destinatario (anch’esso spesso memorizzato in una rubrica), un messaggio tipicamente composto da un oggetto e un corpo.

Altro elemento interessante è sicuramente la sua flessibilità:

  • è possibile spedire email in formato testuale, con o senza allegati, in formato HTML (raggiungendo l’espressività di un documento formattato e oltre), oggi anche in formato dinamico (AMP4Email);
  • l’email può essere normalmente letta su device con caratteristiche molto diverse: dallo schermo di un pc allo schermo miniaturizzato di uno smartphone, oggi anche in “dark mode”.

Altre caratteristiche, innovative sin dal momento della sua nascita:

  • l’asincronicità della comunicazione; a differenza di altri mezzi come il telefono, non è necessario che i due utenti comunichino nello stesso istante (e questo significa spesso non disturbare);
  • la possibilità di conservare facilmente la cronistoria dei messaggi scambiati, per eventuali consultazioni future.

Sicuramente anche l’evoluzione e la diffusione di Internet in ambito domestico ha favorito la sua diffusione, anche perché tipicamente connettività per la navigazione web e servizi di posta elettronica sono cresciuti in simbiosi. Già nei primi anni 2000 gli ISP (Internet Service Provider) offrivano pacchetti tutto incluso “connettività & casella email”.

Oggi si stimano oltre 4 miliardi di utenti con almeno una casella di posta, con la previsione di arrivare a 4.6 miliardi nel 2025 (fonte: https://www.statista.com/statistics/255080/number-of-e-mail-users-worldwide/).

L’attivazione di una casella di posta è spesso considerata anche uno strumento abilitante ad accedere a utili fonti di informazione, tipicamente abilitate attraverso una logica di opt-in: l’utente decide a quali servizi iscriversi con il proprio indirizzo email (es. le classiche newsletter) e sa di poter interrompere l’iscrizione in qualunque momento e in modo semplice (es. attraverso il classico link di disiscrizione).

Tutto questo evidentemente giustifica l’impressionante volume di messaggi email inviate nel mondo: circa 300 miliardi al giorno in crescita (fonte: https://www.statista.com/statistics/456500/daily-number-of-e-mails-worldwide/). Per comprendere in modo più concreto di che numeri stiamo parlando, potremmo pensare che ogni volta che respiriamo è come se inviassimo un’email a un quarto della popolazione italiana.

  • Hidden
  • Ho letto e compreso la Privacy Policy e accetto integralmente i Termini d'Uso.

CONDIVIDI L’ARTICOLO

SCOPRI

Altri articoli
popolari.

Un nuovo standard per migliorare la tua deliverability: scopri il BIMI

Il mondo di magnews

Un nuovo standard per migliorare la tua deliverability: scopri il BIMI

I professionisti dell’email marketing sono costantemente alla ricerca di nuove strategie che possano garantire loro migliori risultati: in che modo dare maggiore visibilità alle comunicazioni all’interno della posta in arrivo, e come assicurarsi un buon Open Rate?

3 MIN. LETTURA

Lucia Mongardi

Deliverability Manager

Deliverability e brand protection score: ancora più semplice con magnews

Roadmap

Deliverability e brand protection score: ancora più semplice con magnews

Abbiamo implementato una procedura guidata per creare (e modificare) i domini web e i domini mittente. Questa implementazione è il seguito di quanto fatto nella scorsa release per tenere sotto controllo il brand score delle tue comunicazioni.

1 MIN. LETTURA

magnews

Digital Marketing Platform

Il cantiere dei tag avanza sui report (anche SMS)

Roadmap

Il cantiere dei tag avanza sui report (anche SMS)

I tag sono delle etichette che puoi utilizzare per contrassegnare o qualificare i contenuti delle comunicazioni o le comunicazioni stesse, sia email sia SMS: assegna i tag per identificare gli interessi dei contatti.

1 MIN. LETTURA

magnews

Digital Marketing Platform

Testo di anteprima: più in vista nella inbox dei tuoi contatti

Roadmap

Testo di anteprima: più in vista nella inbox dei tuoi contatti

Il testo di anteprima (aka pre-header, dagli addetti ai lavori) è uno strumento visibile in quasi tutti i client di posta e nelle anteprime degli smartphone, solitamente dopo il subject. Dal punto di vista del contatto, questo testo fornisce un'idea dell'argomento e, insieme a mittente e subject, fa decidere al contatto se aprire la tua email oppure no. 

2 MIN. LETTURA

magnews

Digital Marketing Platform

Proteggi il tuo brand dal Phishing: il dominio per il tracciamento link

Il mondo di magnews

Proteggi il tuo brand dal Phishing: il dominio per il tracciamento link

Sono ancora in molti a chiedersi se sia il caso o meno di implementare il DMARC, a cosa serva e quale sia la sua effettiva utilità: cos’è il DMARC? Come funziona e in che modo impedisce lo spoofing e il phishing?

6 MIN. LETTURA

Lucia Mongardi

Deliverability Manager

Un grande passo per la Brand Protection: difendi il tuo dominio col DMARC

Il mondo di magnews

Un grande passo per la Brand Protection: difendi il tuo dominio col DMARC

Sono ancora in molti a chiedersi se sia il caso o meno di implementare il DMARC, a cosa serva e quale sia la sua effettiva utilità: cos’è il DMARC? Come funziona e in che modo impedisce lo spoofing e il phishing?

3 MIN. LETTURA

Lucia Mongardi

Deliverability Manager

Diventa Partner!

Creare una relazione tra le aziende e i consumatori che possa generare valore di business per entrambi in una esperienza di successo.

Stiamo creando una community che vogliamo far crescere assieme per costruire una collaborazione sempre più di valore.

Partner Program, la soluzione di magnews che consente di diventare parte di un vero knowledge hub, progettato per favorire la crescita di competenze e business.

  • Ho letto e compreso la Privacy Policy e accetto integralmente i Termini d'Uso.

Raggiungi i tuoi obiettivi di business

Scrivi ad un nostro consulente oppure richiedi una demo gratuitamente!

Richiedi una demo Scrivi ad un consulente

No grazie