AGCOM: cosa cambia per chi spedisce SMS

Dal 16 ottobre 2013 è entrata in vigore la delibera 42/13/CIR di AGCOM che mira a regolamentare le comunicazioni promozionali via SMS.

L’obiettivo di AGCOM è “raccogliere” gli Alias utilizzati come Mittente delle comunicazioni SMS per rendere il processo di riconoscimento più efficiente. AGCOM gestirà un database apposito, deputato alla raccolta delle informazioni anagrafiche relative agli Alias utilizzati.

In questo modo, chi riceve SMS potrà risalire all’effettivo mittente tramite una chiamata al servizio clienti del proprio gestore telefonico (TIM, Vodafone, Wind, etc.).

privacy

Cosa cambia e cosa è importante sapere?
•    Tutti i mittenti SMS alfanumerici (di massimo 11 caratteri) devono essere registrati presso AGCOM.
•    La registrazione deve avvenire prima dell’effettivo utilizzo dell’Alias.
•    Previa registrazione, si potranno continuare ad utilizzare i mittenti adoperati fino ad ora, a meno che non siano mittenti “generici”, come “comune”, “segreteria”, “ufficio stampa”, etc.
I mittenti devono essere esplicativi del reale responsabile dell’invio e titolare di trattamento.
•    Il mittente (Alias) deve essere collegato (tramite AGCOM) al titolare di trattamento dei dati (cioè degli utenti/interessati che target di spedizioni). È buona norma ricordare questa disposizione per le società che fanno advertising/promozione per conto terzi.
•    Ogni società può registrare più alias, per motivi giustificati (ad esempio, se ha più marchi registrati a proprio nome). Si ricorda che l’alias deve agevolare il riconoscimento del soggetto responsabile da parte del destinatario o del bene/servizio offerto, riducendo le false individuazioni. Pertanto, il mittente deve essere distintivo, non lesivo di diritti altrui e non ingannevole per il destinatario.
•    Le informazioni richieste da AGCOM sono: Alias* | Ragione Sociale | Nome* | Partita IVA* | Codice Fiscale* | Indirizzo* | Sito Web | PEC* | FAX | Referente* (es. CEO) | Telefono del referente* | Email del referente. * informazioni obbligatorie
•    Per chi utilizza un mittente esclusivamente numerico (numero di telefono), questa delibera non comporta alcuna procedura di modifica/aggiornamento.
•    La delibera stabilisce che l’utilizzo di Alias è soltanto per i soggetti “non consumatori” che siano in possesso di partita IVA e/o codice fiscale. I messaggi dei soggetti consumatori non possono essere inviati con mittente alfanumerico.
Il database AGCOM potrà essere consultato soltanto dagli operatori d’accesso (TIM, Vodafone, Wind, etc.), che interrogheranno il database inserendo un Alias e un codice identificativo.
Lo stesso Alias potrebbe essere associato a più aziende (ad esempio, per spedizioni promozionali dal medesimo contenuto).
•    La delibera AGCOM per il momento riguarda soltanto le aziende italiane.
•    AGCOM non ha ancora ultimato il database per la raccolta dei dati e l’apposita registrazione e – fino a nuovi aggiornamenti – l’invio SMS può proseguire con le stesse modalità utilizzate fino ad ora.
•    La delibera AGCOM prevede un periodo di sperimentazione – ma comunque obbligatoria – fino al 31/12/2014 e la registrazione degli alias potrebbe iniziare in qualsiasi momento.

In MagNews stiamo gestendo questi aspetti attraverso un team dedicato che si occupa di mantenere la compliance con la nuova normativa dei clienti che utilizzano questo servizio.